FOLCO ORSELLI – canzone d’autore

ingresso 10€

facebook

Presentazione del nuovo disco “Generi di conforto“.

“Generi di conforto” ha una storia originale. È nato in un Trullo vicino a Martina Franca dove Folco si è rifugiato insieme a Vincenzo Messina arrangiatore e co-produttore artistico (assieme a Folco stesso del disco) per realizzare un album in totale libertà creativa, realizzando dieci canzoni accomunate da un arrangiamento del disco visionario ed entusiasmante, dove è stato dato libero sfogo alla pittura sonora che solo un’orchestra d’archi può donare. Un omaggio a un certo tipo di musica elegante e raffinata, vedi ad esempio l’avvolgente “In equilibrio (cadendo nel blues)” o l’intimistica “Macaria” splendidamente introdotta da un pianoforte liquido che fa da contrappunto alla calda voce di Folco, il tutto sorretto da un magnifico tappeto d’archi o ancora l’istantanea “La Ballata di Piazzale Maciachini” che ti racconta di come puoi trovare la bellezza e la poesia anche in un angolo di periferia.

A questo punto, si lascia volentieri all’ascoltatore il gioco dei rimandi cinematografici dietro ciascuna canzone, svelando però, con le stesse parole di Folco, la ragione del titolo: “Le dieci tracce che compongono ‘Generi di conforto’ hanno a mio parere le stesse caratteristiche del cioccolato, delle sigarette, di un cordiale sorseggiato quando fa freddo, di una coperta sotto cui addormentarsi, di un fuoco, di un abbraccio. Di conforto appunto. E poi vuoi mettere, ora ho una risposta alla solita domanda: ‘Ma che genere fai?’ – ‘Di conforto!’

L’album è stato autoprodotto da Folco Orselli per la sua neonata etichetta Muso Records a proposito della quale l’artista dichiara: “ Io mi chiamo Folco, viene da folk, popolo, sono un uomo del popolo e questo disco mi piace che sia una storia tra me e la gente. Per questo motivo ho deciso di farlo uscire per la mia nuova etichetta Muso Records, per avere un dialogo diretto, meno intermediari, più verità”.

Il disco si avvale della partecipazione dell’Orchestra Cantelli e di una band di eccellenti musicisti, Stefano Bagnoli alla batteria, Marco Ricci al contrabbasso, Vincenzo Messina alle tastiere, Giorgio Secco alle chitarre, Pepe Ragonese e Daniele Moretto alle trombe, Luciano Macchia al trombone, Valentino Finoli al sax.

 

Bookmark the permalink.

Vecchi commenti

  1. lUISA.VITIELLO

    TI HO VISTO IERI 12/9 A SPAZIO MUSICA. NON TI CONOSCEVO. ERO LI, DA SOLA, PER UCCIDERE LA NOIA E LA SOLITUDINE E DEVO DIRE CHE E’ STATA UNA BELLA OCCASIONE. MI HA COLPITO L’AUTENTICITà DEI TUOI TESTI — POI LA MUSICA HA FATTO IL RESTO. COMPRERò IL TUO CD PER RIVIVERTI. COMPLIMENTI.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>